Coronavirus: l’emergenza non è solo sanitaria, ma anche economica. L’analisi dettagliata di Oliver Camponovo

coronavirus-economia-oliver-camponovo

ECONOMIA CORONAVIRUS OLIVER CAMPONOVO – L’emergenza dovuta al dilagare della pandemia del Coronavirus non è soltanto sanitaria. Sono centinaia di migliaia le vittime che il Covid-19 ha causato nel mondo e il picco sembra ancora non essere passato. Oltretutto, il pianeta si prepara ad una delle crisi economiche più importanti, peggiore di quella del 2008. L’economia mondiale dovrà fare i conti con un momento di stallo e di “depressione”, come sostiene Oliver Camponovo, esperto analista e consulente finanziario.

Oliver Camponovo e la crisi dell’economia legata all’emergenza Coronavirus

“Dopo 11 anni di ininterrotta accelerazione economica, per il 2020 mi aspettavo di tutto ma non il CoVID-19“. Esordisce così Oliver Camponovo, in un resoconto pubblicato sul suo sito ufficiale. “Tanti diversi fattori sia endogeni al sistema finanziario globale che esogeni facevano presagire ad un difficile 2020 eventualmente caratterizzato da una recessione. Il CoVID-19 ha trovato in questo sistema vulnerabile una facile preda per replicarsi e portare il sistema dalle stelle alle stalle, dalla crescita alla depressione 2.0. Il CoVID-19, di fatto, si è sovrapposto ad alcuni elementi critici”.

Elementi critici dell’economia nell’emergenza Covid-19

Asset finanziari relativamente cari, la crescente importanza di algoritmi e sistemi matematici nella gestione dei grandi patrimoni, l’assenza di efficacia delle banche centrali con tassi di interesse ormai negativi, l’allargarsi del divario di ricchezza tra ricchi e poveri e le relative tensioni sociali, le elezioni del 2020, la relazione Cina/USA, la Crisi Iran/USA”.

I cambiamenti delle abitudini dei consumatori dopo la pandemia del Coronavirus

La pandemia non solo ha cambiato il nostro vivere nel quotidiano. Sta trasformando le nostre abitudini, che dovranno per forza maggiore adattarsi alle nuove e necessarie direttive emanate dai governi di tutto il mondo in chiave sanitaria, ma anche economica.

Le previsioni nel mondo dell’economia

“I consumatori – continua Oliver Camponovo – hanno radicalmente cambiato abitudini e la pandemia di CoVID-19 ha completamente modificato i modelli comportamentali dei consumatori a livello planetario. La paura ha preso il sopravvento e quando le persone hanno paura, entrano in modalità di sopravvivenza. Come? Riducendo i consumi al minimo, spostando a data futura indefinita le grandi spese e gli investimenti innescando una spirale di shock di riduzione della domanda di beni e servizi. Il lockdown invece costringe le aziende a chiudere e ad uno schock di riduzione di offerta di beni e servizi. Le previsioni sul PIL mondiale scendono giornalmente e quanto ad oggi simulato è ancora troppo ottimista. Personalmente prevedo una discesa globale del PIL del 10% su base annua a livello mondiale”.

Economia dopo il Coronavirus, il calo del commercio mondiale secondo Oliver Camponovo

“Un dato molto significativo di quanto forte sarà questa depressione è il volume globale di beni venduti a livello mondiale. Si prevede che il commercio mondiale diminuirà tra il 13% e il 32% nel 2020, poiché la pandemia Covid-19 perturberà la normale attività economica e la vita in tutto il mondo ed i diversi cicli produttivi su tutte le fasi della catena produttiva e del valore aggiunto”.

L’effetto “domino” della crisi dell’economia mondiale per il Covid-19

I cicli produttivi e le catene produttive si sono interrotti e rallentate anche per l’effetto domino. La crisi è partita dalla Cina, che non risicava a rifornire i suoi clienti finali come anche i produttori globali che utilizzano i diversi semilavorati cinesi. È poi arrivata in Europa che a livello produttivo era già rallentata dalla mancanza di componenti cinesi e così via su Stati Uniti. In ultimo i paesi emergenti che saranno i prossimi ad essere travolti da questa prima ondata di Covid-19″.

“Non sarà una recessione, ma una depressione economica”

“Sono a ritenere, dunque, che questa non sarà una recessione, ma una depressione e che avrà effetti duraturi per gli anni a venire. Inoltre, questa crisi che sta colpendo le imprese e l’occupazione in tutto il mondo, porterà significativi cambiamenti sociali e politici”.

Per scoprire di più su Oliver Camponovo e il coronavirus